Ultima modifica: 31 Luglio 2019

Robotica e Coding

Lo striscione robot-amici

Negli ultimi anni la robotica educativa è “cresciuta” e si è affermata come disciplina e metodologia capace di costruire la conoscenza

La sperimentazione creativa di tecnologie robotiche non solo promuove negli alunni una maggiore motivazione all’apprendimento, ma offre anche un valido supporto  per il passaggio dall’astratto al concreto e per lo sviluppo di nuove competenze cognitive.

L’interazione con i robot ha vantaggi non indifferenti per le nuove generazioni

A differenza degli ambienti digitali, nei quali il soggetto svolge un ruolo più da fruitore che da utilizzatore attivo, la robotica educativa si fonda sulla manipolazione diretta e concreta di elementi hardware (i mattoncini LEGO) e software (i blocchi di programmazione), al fine di costruire e successivamente programmare un robot “intelligente”.

L’interazione con i robot crea un contesto di apprendimento ludico altamente motivante

nel quale l’individuo attiva processi di riflessione, consapevolezza e auto-valutazione delle proprie strategie di apprendimento.

Altresì, le esperienze pratiche già condotte presso la scuola Primaria hanno messo in luce la gran varietà di “intelligenze” di cui sono dotati i nostri alunni: la robotica educativa ha spesso dato opportunità di espressione e di creazione ad alunni “poco visibili” in altri contesti.

Sono stati creati ambienti di apprendimento basati su attività di problem-solving

risolvibili attraverso la collaborazione di più individui, che perseguono un obiettivo comune. La conoscenza prodotta, quindi, è di tipo condiviso. In altre parole, mediante la robotica educativa si realizza in pieno quella situazione di edutainment(da education + entertainment), o di imparare-giocando, che porta ad un apprendimento significativo e persistente nel tempo.

Il cambiamento sempre più rapido e in accelerazione continua che caratterizza il nostro tempo porta a considerare che ognuno di noi vedrà nel giro di pochi anni più innovazioni di quante ne abbia mai potute vedere la generazione passata, nell’arco dell’intera sua vita. Così questa è la scelta che facciamo per noi stessi, per i nostri bambini, per i nostri Paesi e per il mondo tutto: acquisire le competenze necessarie a partecipare con cognizione di causa all’innovazione.

Il nostro Istituto da anni fa parte della Rete Robocup Jr. Italia, una rete di scuole che promuove l’utilizzo della robotica educativa come metodologia  di insegnamento/apprendimento.

Ape BeeBot con costume

Ape BeeBot con costume

BeeBot, Scribbler e mOway

BeeBot, Scribbler e mOway

Scribbler travestito da dinosauro

Scribbler travestito da dinosauro

mOway nel traffico cittadino

mOway nel traffico cittadino

Per visualizzare le attività degli anni precedenti clicca qui  http://www.icmortara.edu.it/wordpress/studenti/robotica/

Coding è un termine inglese al quale corrisponde in italiano la parola programmazione informatica.

La programmazione è il linguaggio delle cose.

Gli oggetti che chiamiamo smart contengono un microprocessore che aspetta solo di essere programmato. Programmare è il modo più semplice per realizzare le nostre idee, e ci aiuta a sviluppare  il pensiero computazionale stimolando la creatività.

Giocando a programmare si impara ad usare la logica, a risolvere problemi e a sviluppare il “pensiero computazionale”, un processo logico-creativo che consente di scomporre un problema complesso in diverse parti, per affrontarlo più semplicemente un pezzetto alla volta, così da risolvere il problema generale. Con il coding quindi anche i bambini potranno risolvere problemi “da grandi”, e diventare soggetti attivi della tecnologia.

Visualizza tutto »

Ultimi 5 articoli pubblicati in "robotica e coding"

11 Lug 2019 Robotica in classe prima

Scuola Primaria Mortara

19 Giu 2019 IN VOLO CON…IL GABBIANO GAETANO

Scuola Primaria Mortara

26 Mag 2019 GIOCARE PER IMPARARE

Scuola dell’Infanzia

29 Apr 2019 Robot in TV

Scuola Secondaria

14 Apr 2019 RoboCup Junior Italia 2019

Scuola Secondaria